Roma: ragazza finlandese aggredita e violentata nella notte

Roma: ragazza finlandese aggredita e violentata nella notte. Resta in carcere l’uomo bengalese 22enne accusato di aver rapinato, violentato e picchiato una turista finlandese la scorsa notte tra sabato e domenica, a Roma, in Via Palestro. Ordinanza emessa dal gip di Roma, dopo la convalida d’interrogatorio, avvenuta in mattinata presso il carcere Regina Coeli.

La giovane vittima, era arrivata nel nostro paese da pochi giorni per lavorare come babysitter. In previsione del fine settimana era uscita in compagnia di un’amica per trascorrere qualche ora in un locale. A fine serata, le due giovani avevano intenzione di prendere un taxi, quando è comparso il ragazzo bengalese che si è offerto di accompagnare una delle due a casa. La ragazza ha accettato, fidandosi dei modi gentili e si è incamminata con lo sconosciuto. In poco tempo,  si è ritrovata in una stradina buia, rapinata , picchiata con una pietra e violentata. Le forti grida, fortunatamente, sono giunte ad una signora che dormiva in casa sua. E’ stata lei a dare l’allarme.

La ragazza è stata portata in ospedale ed è in stato di shock , racconta di essere stata minacciata di morte se avesse tentato di fuggire. L’uomo è stato subito rintracciato in Piazza Fiume, arrestato e trasferito in carcere in attesa dell’interrogatorio di garanzia di domani.

Il leader della Lega, Matteo Salvini commenta: “In attesa di pagarci la pensione, stuprava. Sono troppi, ne manderò a casa un bel po’! Si attende condanna boldriniana. Castrazione chimica e non lo farà più!” Il sindaco della Capitale, Virginia Raggi esprime la sua solidarietà a nome di tutta la città, alla giovane ragazza finlandese. Su Twitter scrive:”Roma non accetta alcun tipo di violenza”

Un ennesimo stupro, sembra essere una catena infinita, un incubo che non ha fine. In questi ultimi giorni i casi di violenza sessuale si sono susseguiti con una frequenza inquietante. Ci auguriamo che la giustizia sortisca i suoi  effetti. E che ci sia un cambiamento incisivo sulla morale comune, che in alcuni casi sembra non avere pietà per le donne vittime di stupri.

Related posts

Leave a Comment