Approvata alle Camere la legge Fiano. E’ attesa la risposta del Senato

Approvata alle Camere la legge Fiano. E’ attesa la risposta del Senato. E’ stata approvata al Parlamento la legge Fiano che prevede il reato di propaganda fascista. Ora il provvedimento attende il consenso del Senato. E’ passato con 261 voti favorevoli, 122 contrari e 15 astenuti. Si applica con l’introduzione dell’articolo 293-bis proprio del Codice Penale. Forza Italia, Lega Nord, M5S e Fdi hanno detto no. In particolare i grillini hanno motivato il proprio rifiuto parlando di legge populista, inutile e sbagliata. Il capogruppo di Fratelli D’Italia, Fabio Rampelli ha biasimato del tutto il provvedimento in atto definendolo persecutorio della libertà di opinione e di pensiero.

La norma è un’estensione della “Legge Scelba” del 1952 e della “Mancino” del ’93, e prevede l’introduzione del reato per chiunque propaganda le immagini e/o i contenuti propri del regime fascista, o del partito nazionalsocialista tedesco. Sono atti considerati insiti al reato il saluto romano e la diffusione di gadget. La legge prevede, altresì, una pena da 6 mesi a due anni di reclusione.  La pena viene inasprita di un terzo se il reato viene commesso con l’ausilio di strumenti informatici e telematici.

Il primo deputato che ha firmato, Emanuele Fiano, sostiene che si tratti di una norma affatto liberticida, piuttosto “necessaria a porre un freno ai rigurgiti neo-fascisti e al rientro di un’ideologia di estrema destra.”

La proposta di legge è giunta alle Camere in un momento di cronaca particolarmente delicato, in quanto a luglio, ha assunto forte rilievo mediatico, lo stabilimento balneare di Chioggia gestito secondo norme non proprio consone alle leggi democratiche. Il titolare, infatti, aveva fatto del suo chiosco una sorta di luogo di culto fascista, imponendo regole autocratiche e vietando l’ingresso a quelli che lui definiva “buzzurri”, riferendosi probabilmente a persone poco inclini all’ordine e alla pulizia.

Forte enfasi sta acquisendo, ultimamente, anche l’intenzione da parte del movimento politico Forza Nuova di intraprendere il prossimo 28 ottobre una marcia su Roma, in onore dell’omonima che nel 1922 portò il Partito Nazionale Fascista al governo.

Leave a Comment