Cartello contro un disabile a Milano: la procura apre un’inchiesta

Milano

Cartello diffamatorio in un parcheggio al centro commerciale di Milano, la Procura apre un’inchiesta. E’ accaduto a Milano, Carugate, nella giornata di sabato, in un parcheggio sotterraneo del centro commerciale Carosello. Un gesto vile e incivile da parte di un automobilista multato per aver parcheggiato in un tratto destinato alle persone diversamente abili. L’ignoto parcheggiatore, irritato dalla sanzione ricevuta, si è preso la libertà di affiggere un cartello scritto personalmente al computer, contenente un messaggio denigratorio e offensivo nei confronti della persona che avvalendosi della facoltà di far valere i propri diritti, ha avvisato i Vigili del posto occupato in disonestà.

Il cartello trovato sulla cassetta di un idrante, recita: “A te handicappato che ieri hai chiamato i vigili per non fare due metri in più vorrei dirti questo: a me 60 euro non cambiano nulla, ma tu rimani sempre un povero handicappato. Sono contento che ti sia capitata questa disgrazia”. Un messaggio che rivela oltre che viltà, una totale mancanza di rispetto e pochezza morale. L’autore del gesto non è stato ancora identificato, ma i filmati registrati dalle telecamere di videosorveglianza sono ora al vaglio degli inquirenti. Il Questore della Procura di Milano, Marcello Cardona, appena venuto a conoscenza di quanto accaduto, ha inviato subito le volanti dell’Ufficio Prevenzione Generale, nella speranza di individuare il prima possibile l’autore del cartello. I responsabili del centro commerciale commentano: “Ci dissociamo completamente da quanto accaduto, nel nostro emporio non sono mai accadute cose del genere”.

Sulla dinamica è intervenuto anche il Presidente della Fish, la Federazione Italiana Superamento Handicap, Vincenzo Falabella, secondo il quale questi episodi non sono affatto sporadici. Il fatto che questo episodio sia divenuto eclatante lo si deve ai media e ai social. “C’è una profonda indignazione nell’apprendere che ancora oggi alcuni individui si comportino così, scrivendo tali bestialità: purtroppo – aggiunge il Presidente – oggigiorno sono ancora tante le persone disabili che subiscono angherie e violenze psicologiche”.

L’Assessore al Commercio del Comune di Carugate, Francesco  Corrias è convinto che il responsabile del gesto verrà identificato. Lo staff dell’amministrazione comunale esprime la propria solidarietà con un post su Facebook per “condannare il vergognoso cartello apparso nel parcheggio del centro commerciale”. Con la stessa forza con la quale condannano il triste accaduto, tengono a sottolineare “la più viva solidarietà alla vittima di tanta maleducazione e inciviltà”.

Intanto secondo le prime indagini in corso, grazie all’indirizzo riportato sulla multa e le immagini registrate dalle telecamere, il responsabile potrebbe non essere il proprietario del veicolo multato, tantomeno cittadino di Carugate. La foto del cartello sta facendo il giro dei social. Tantissime sono le persone che lo hanno duramente condannato, qualcuno si è divertito anche a sottolineare gli evidenti errori ortografici.

 

Related posts

Leave a Comment