CINEMA Terminate le riprese del film ‘Once (in my life)’

Once9 MARZO 2017 – Sono terminate le riprese del film Once (in my life), prodotto dalla casa di produzione Medea Film di Mirko Padalino, Dario Consoli e Antonio Recupero. Once (in my life) è una black-comedy, scritta e diretta dal regista Francesco Colangelo. Protagonista è il giovane attore Alfio Sorbello, reduce dal successo di ‘La mafia uccide solo d’estate’ e ‘Baarìa’. Ad impreziosire il cast attori di spessore come: Nino Frassica, Giorgio Colangeli, Lorenza Indovina, Silvia Mazzieri, Stella Egitto, Katia Greco e Nicola Nocella.

La storia è quella di Tonio, un ragazzo semplice, un po’ sprovveduto e nevrotico che si ritrova ad assistere alla dinamica della propria morte. Ritrovandosi come spettro, e vedendo se stesso ancora vivo, cercherà di fare di tutto per evitare di morire. Ma più cercherà di fare qualcosa, più diventerà inevitabilmente causa stessa e ragione della propria dipartita. Questa è solo la superficie di una storia dalla drammaturgia circolare e dall’andamento comico, brillante e veloce che nasconde dentro di sé il senso della nostra esistenza legata, poco (per alcuni) o molto (per altri), al nostro ineluttabile destino.

“Tonio è il personaggio che ogni attore vorrebbe interpretare’’, ha commentato così l’attore Alfio Sorbello, alla fine delle riprese. “Girare Once (in my life) ha emozionato tutti. La Medea Film è orgogliosa di questo progetto, degli attori sorprendenti e del regista. C’è stata una grande professionalità durante le riprese, il cast e la troupe hanno dato una grande prova di serietà e dedizione nei confronti di questo lavoro”, ha dichiarato Mirko Padalino, uno dei produttori. “La sceneggiatura, già finalista ai RIFF AWARD, ci è sembrata da subito la storia giusta da girare. Una storia che non vedevo l’ora di raccontare, legata al mio passato bolognese, ma che si è tinta dei colori della commedia brillante immaginandola calato nei panni del protagonista, Alfio Sorbello, e dei fantastici attori che ne hanno incarnato i caratteri”.

“Il film, meravigliosamente fotografato da Gianni Mammolotti, è una scommessa della Medea Film che fa ben sperare per il giovane cinema indipendente italiano”, ha concluso così il regista Francesco Colangelo”.

Related posts

Leave a Comment